lacasadellorologio

Presentazione di "Democrazia, populismo e leadership"

Dopo il successo de La Notte Rossa 2017, procede la nostra attvità culturale e il prossimo 27 ottobre alle ore 18:15, in via Gregorio X, n.9 (Piacenza), Fondazione Piacenza Futura ha il piacere di ospitare la presentazione del libro "Democrazia, populismo, leadership: il Movimento 5 stelle" di Flavio Chiapponi, professoredell'Universtà di Pavia e Presidente del Consiglio di Indirizzo della Fondazione.
Ne discuterà con Sergio Dagnino, Consigliere Comunale M5S di Piacenza.
Modera Eugenio Gazzola.

Il nesso democrazia - populismo sta al centro di numerosi tentativi finalizzati a interpretare l'ascesa elettorale di attori politici nuovi, portatori di una sfida interna alla politica mainstream: dalla Francia all'Olanda, dalla Gran Bretagna all'Italia, nessun sistema politico europeo sembra immune all'attacco populista. In questo volume, Chiapponi tenta innanzitutto di chiarire i confini definitori del fenomeno ed esaminarne i rapporti con i regimi democratici. Distinguendo i fattori strutturali da quelli processuali (tanto politici quanto sociali), isola e classifica le componenti che agevolano le insorgenze populistiche e ne propiziano il successo. Applicando questa chiave di lettura al caso italiano, infine, mette in luce le condizioni che hanno favorito il boom del M5S. L'ultimo arrivato nella già affollata platea dei populismi italiani si caratterizza per la sua singolare articolazione organizzativa: come accade nel modello del partito personale, leadership e organizzazione tendono a sovrapporsi e a formare un unicum inscindibile agli occhi degli elettori e dei militanti.

vol last 1

StampaEmail

NON SONO RAZZISTA, MA.

Con molto piacere Fondazione Piacenza Futura e l'Associazione Alice hanno promosso un incontro che si è svlto ieri nell'ambito de La Notte Rossa 2017, dal titolo "Non sono razzista, ma.".
Durante l'appuntamento è stato presentato il nuovo libro del Sen. Luigi Manconi, alla presenza dell'autore, in prima fla in questi giorni per l'approvazion della legge sullo Ius Soli, con il giornalista Maurizio Maggiani e Padre Zerai, sacerdote cattolico eritreo, indagato dalla procura di Trapani per favoreggiamento dell'immigrazione clandestina e già candidato al Nobel per la Pace.

Il libro "Non sono razzista, ma. La xenofobia degli italiani e gli imprenditori politici della paura”, edito da Feltrinelli, illustra un meccanismo psicologico tanto elementare quanto diffuso, che mira a prendere le distanze dalle parole e dagli atti che ci tradiscono e contraddicono ciò che pensiamo di essere, o che magari vogliamo far intendere di essere. Ma ormai è entrata in crisi l'interdizione morale nei confronti di parole e atti xenofobi, che aveva costituito una sorta di presidio linguistico e culturale, ma anche sociale e politico, rispetto al ricorso a pratiche di esclusione e discriminazione. Forse davvero sta cadendo il tabù del razzismo nella società italiana. 

Gli autori, L.Manconi e F.Resta, lanciano un grido d'allarme: l'intolleranza etnica ha trovato spazio nel discorso pubblico e nella sfera politica, legittimando comportamenti fino a ieri censurati, grazie a figure pubbliche che fanno del proprio ruolo istituzionale una risorsa significativa di produzione e legittimazione dell'ostilità sociale nei confronti dello straniero.

All'incontro, che si è svolto nella Serra di Palazzo Ghizzoni Nasalli, hanno assistito circa 90 partecipanti.

manconi piacenza 

Guarda il volantino del'iniziativa

StampaEmail

Populismi Povertà Potere

Con piacere segnaliamo un'iniziativa dell'Associazione Alice, prevista per il prossimo venerdì 7 luglio alle ore 21 a Palazzo Ghizzoni Nasalli, che vedrà Pierluigi Bersani conversare con Marco Revelli autore del libro "Populismi 2.0".

 

Bersani 7 luglio

StampaEmail

"Scusi, l'uscita?"

Segnaliamo un'iniziativa promossa dall'Associazione Alice che si terrà il prossimo lunedì, 20 giugno, alle ore 20:45 nel salone della Camera del Lavoro.

 

IMG 3386

StampaEmail

Felice Trabacchi, la presentazione

Proponiamo qualche scatto dell'incontro della scorsa settimana in cui è stato presentato il volume edito dalla Fondazione e dedicato alla figura di Felice Trabacchi.

Si tratta di un’opera che ripercorre le vicende e la storia di un uomo che ha rappresentato molto per la comunità piacentina: dall’adesione alla lotta partigiana nel 1944 al suo impegno come avvocato e segretario della Cgil, tra il 1948 e il 1952, a favore dei lavoratori nelle fabbriche e nelle campagne, allora privi di qualsiasi tutela normativa. C’è poi la sua presenza in Consiglio Comunale dagli anni Sessanta al 1990, trent’anni nei quali Felice Trabacchi è stato prima uno dei più attivi oppositori delle giunte di centro e di centro sinistra, e poi sindaco tra il 1975 e il 1980. Tra il 1987 e il 1990 Trabacchi ricoprì il ruolo di parlamentare, occupandosi soprattutto di Giustizia; ai palazzi romani e alle riunioni parlamentari ha comunque sempre preferito il ruolo di primo cittadino e il suo impegno fu rivolto, in quel periodo, ad arginare l’attività del procuratore Angelo Milana, che in pochi anni mandò a giudizio più di 400 amministratori del territorio. Questa vicenda è affrontata per la prima volta in questo libro, il quale diventa anche uno strumento per capire cosa accadde in quel periodo che oggi sembra così lontano.

Flavio Chiapponi, politologo e presidente di Fondazione Piacenza Futura, nella sua prefazione a "Felice Trabacchi. Vita civile e politica" lo ricorda così: 

"Felice Trabacchi rappresenta il concreto esempio di un politico diverso, rigoroso nel suo perseguimento del bene comune, ma aperto alle sfide poste dalla realtà: in continuo contatto con la città, con il suo popolo, ha scritto una delle pagine più belle della politica a Piacenza e, soprattutto, è rimasto nei cuori e nelle menti dei piacentini, anche in quelli di parte avversa."

 

IMG 3151 IMG 3152 

IMG 3153 IMG 3154

 

pdfLa prefazione integrale del prof. Chiapponi

 

StampaEmail

2014 © fondazione piacenza futura    via Camillo Piatti 25 29027 Podenzano (PC)      CF - 91102850335