Un ricordo per Vasco Bendini

il .

La Fondazione Piacenza Futura saluta il Maestro Vasco Bendini, un grande bolognese e un interprete sensibile e attento delle passioni sociali e civili.
Targa Volponi nel 2013, lo ricordiamo oggi con l'ultima intervista che aveva concesso alla Fondazione Duemila di Bologna, in occasione de La Notte Rossa 2014, nel cui manifesto campeggiava "L'immagine accolta", sua opera del 2006.

 

La Notte Rossa è una festa, ma vuole essere anche un appuntamento di carattere culturale. Lo si capisce subito, guardando il ImmagineAccolta2006manifesto 2014 che ospita “L'immagine 

ImmagineAccolta2006

Sull'opportunità di coinvolgere i giovani artisti in manifestazioni come La Notte Rossa per stimolare la conoscenza e l'utilizzo di spazi storici, nati e gestiti dal volontariato di molti, il maestro Bendini ha specificato: accolta”, opera del 2006 del maestro Vasco Bendini. 
All'autore abbiamo chiesto un'opinione sui tempi moderni e sulle attuali esigenze dei giovani artisti:
La mia rifle ssio n e s ulla situ a zio n e contemporanea nel campo artistico e, in genere, culturale si basa sulla sensazione di un rumore assordante di disperazione. Disperazione dovuta anche alla negligenza, a volte, all'incompetenza e alla indiscutibile dipendenza dal fattore economico. I giovani critici e gli artisti oggi sono immersi in un carnevale permanente che si esaurisce nell'inebriante manifestazione di sé, gratuita, stravagante e insensata. Una vera e propria orgia dell'Io, quasi un evirarsi del pensiero, immergendosi in sensazioni intense, stordenti, accecanti o di grande banalità."

Un giovane critico oggi dovrebbe dimenticare gli spazi tradizionali, almeno fino a quando essi non si saranno liberati dei condizionamenti economici e culturali di ovvia convenzionalità. Dovrebbe, al contrario, affrontare il rischio di trovare nuovi spazi, magari privati, o anche nei siti web, in cui mostrare opere che propongano un altro «ordine-idea» che sia conoscenza, non soltanto emozione.

Stampa